sabato 8 settembre 2012

I To Do dell'autunno 2012

A grande richiesta (di uno solo dei miei followers, ma di uno dei miei preferiti @ilgeegee) (in realtà non me l'ha mica chiesto, ma io mi annoio mortalmente), ritornano le top five di Stazzitta, quel faro nella nebbia per voi comuni mortali che non avete un blog e lasciate nel silenzio le stronzate che pensate. Fate bene, tra l'altro. Dovrei pure io.
Visto il successone dell'edizione estiva siamo lieti di presentarvi i TO DO dell'autunno 2012.
Carta e penna, prego.

I TO DO DELL'AUTUNNO 2012

Abbasta con fluo, abbasta col pizzo, abbasta coi braccialetti di Cruciani che nel frattempo l'abbronzatura se ne sta andando e avete già quel colorito carta da pacchi e le macchie da ghepardo sulla schiena dove non arrivate col guanto di crine, e il braccialetto che un tempo era rosso corallo adesso è marrone schiumetta del caffè, e fa cagare.
Ripensate la vostra immagine e batteteli tutti sul tempo.

1- smettere di fumare. Provate a chiedere un accendino in giro, provate a chiedere una sigaretta, dio ce ne scampi, una cartina. Hanno tutti smesso di fumare, e anche l'ansia di riuscire nell'impresa è out. L'impennata salutista che nel 2011 rendeva tutti vegetariani (poveracci) ha sancito il tramonto dei belli e intriganti con la sigaretta in bocca, vuoi perchè si sono rotti le palle di uscire dai locali per fumare, vuoi perchè con la crisi chi c'ha più i soldi per il pacchetto, fatto sta che nessuno fuma più. Buttate quella sigaretta e trovatevi un passatempo. Tipo la giocoleria, o il sesso occasionale.

2- stare a casa. Basta uscire, soprattutto a Roma. La nuova ideona di Alemanno vieta il consumo di alcol nelle strade dopo le 23, capite bene che fino all'inverno non ha più senso stare fuori. Le ottobrate romane che ci portavano in piazzetta fino a tarda notte ubriachi come le pigne non esistono più, nei locali c'è sempre la stessa gente, a questo punto la serata più cool è a casa vostra, dove potrete stare comodi, sbronzi e gratis. Preferibili outfit invernali sopra e estivi sotto, il golf abbinato ai piedi nudi, per esempio, è sempre sexy.

3- il bordò. Lo hanno chiamato vinaccia, lo hanno chiamato burgundy, io lo chiamo bordò. E basta. Abbiamo comprato talmente tante cose di questo colore lo scorso inverno che evidentemente qualcuno s'è messo una mano sulla coscienza e ha deciso di riproporlo per questo autunno. Ma se non volete passare per sciattoni e poveracci (quali siete, quali siamo, quale sono) sfoggiatelo in versione meno country e più cattivona, soprattutto nel trucco. Il rossetto violaceo scuro è il culo del 2012. Aggiungo lo spoilerone della vita, e fidatevi di Stazzy (e quella vecchia volpe di Yves Saint Laurent) che se lo mette da sempre: l'inverno sarà blu e nero. Insieme. Cose da pazzi.

4- basta ikea. Ha svoltato le case di tutti, io sempre ringrazierò la combo Tromso sopra + Karlstad sotto, che mi ha permesso di vivere 24 h nella stessa stanza per cinque anni senza dover fare la rivoluzione a letto. Ma i bei tempi di globalizzazione e basic minimal sono finiti. Adesso se non avete almeno un vassoio di pora nonna, un tavolinetto shabby chic, una credenza di riuso, un posacenere sbeccato, una cazzo di brocca per l'acqua incrostata di calcare, un vecchio tv color che non funziona più, non siete nessuno. Sono ammesse anche le cose brutte, anzi più sono brutte più vanno bene. Ho visto in case fresche di ristrutturazioni da migliaia di euro le peggio tazzine scompagnate: avevano il loro perchè. Organizzate i vostri weekend nei mercatini di paese, scrivetelo su fb e la gente vi adorerà.

5- cambiate vita. Rifletteteci, è il momento giusto per dare un taglio netto con TUTTO. Licenziatevi, cambiate casa, sposatevi, lasciatevi, cambiate città, cambiate stile di vita, usate le incertezze della crisi in modo costruttivo. Tanto ormai chi c'ha qualcosa da perdere? No more "pensaci bene", il trend dell'autunno è buttarsi, lasciarsi andare e se va male ci metteremo una pezza. So di gente che fa capoeira in Brasile con i pupi e un fidanzato disoccupato, molto più felice e invidiata di quelli con l'indeterminato al catasto. E l'invidia fa tanto 2004. Basta guardare le vite degli altri mentre restate fermi nello stesso punto, è il momento di muoversi. Prendete il coraggio a due mani e rischiate. Peggio dell'anno scorso non potrà andare.

26 commenti:

  1. Nonostante la dieta, le tue endorfine si leggono. Che bello. Ciao daniè.
    Lù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bordo' mai piaciuo.se mi trucco bordo' sembro la sposa cadavere di Burton, le tazzine scompagnate celo ,mai fumato,io bevo dove lavoro e non mi vedono...che dire..mi aspetta un bel'autunno! :). ..bellissimo post!

      Elimina
    2. Sono Luce, ti leggo su twitter.

      Elimina
    3. ah ciao Luce! endorfine ovunque e perunque, tocca fa la scorta!

      Elimina
  2. Non fumo, sto a casa, soprattutto ora che ho la febbre, non ho nulla di bordò/vinaccia/burgundy, darò fuoco allo sgabello e al tavolino Ikea e l'anno prossimo me ne vado affanculo all'estero. Ho passato l'esame?

    RispondiElimina
  3. Per il tuo progetto di diventare figa ti dedico questa qui
    http://youtu.be/aMlbNJD3tjM

    p.s. io ho smesso di fumare un anno fa e mi sento veramente meglio, oltre che più ricca!

    RispondiElimina
  4. Ok, io al punto n.5 ci sono. Fine ottobre cambio casa e cambio vita.
    Me sto a cacà sotto.
    E non lascio #fighedomani. :)
    Baciozzo

    RispondiElimina
  5. si si, d'accordo con tutto però sta cosa di dare dei poveracci ai vegetariani non mi va.
    io sono vegetariana da oltre 14 anni e non mi sento una poveraccia manco per il c@zzo e gradirei che gli onnivori guardassero al loro piatto invece di giudicare e frantumarci l'anima ^^


    il bordò è un bel colore, però.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io soffro fisicamente e intimamente per chi decide nella vita di rinunciare a pizza bianca e mortadella, alla carbonara, alle salsiccette di cinghiale umbre. Il mio poveracci è un abbraccio, non un insulto.

      Elimina
    2. "Il mio poveracci è un abbraccio, non un insulto"
      te lo devo dire, sei stupenda, di cuore

      Silvia

      Elimina
  6. "peggio dell'anno scorso non potrà andare" sarà il mio motto di quest'anno.
    Brava stazzy. Sempre.
    Serena.

    RispondiElimina
  7. Grande Stazzy!!!! prenderò spunto per la mia lista!! uahahaha
    ps. meno male che qualcuno ci ha ripensato per il BORDO' uahahaha
    un caro saluto
    Alessia
    http://ifvbijoux.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. anche io sono fan dei tuoi to do !! e ti appoggio in pieno il blu e nero <3 <3 <3

    RispondiElimina
  9. Vediamo un po':
    1) sto smettendo. Ho smesso, forse, visto che è quasi un mese che non tocco una sigaretta (lo scrivevo qualche giorno fa su FigheDomani/FB)
    2)No problemo. Culo di ghisa: sono pigra come un pezzo di porfido. Sto lì.
    3)Eviterei, essendo roscia mi sta da cani.
    4)Parzialmente d'accordo (il divano Ektorp è una delle mie divinità).
    5)Si può provare. Il lavoro finisce da sè tra un anno e aspetto perché la qualifica la voglio, il fidanzato balbetta al pensiero del matrimonio ma sotto sotto non gli dispiace, io intanto sto a dieta e progetto un nuovo tatuaggio.

    Mi piaci un casino, comunque!

    Valp

    RispondiElimina
  10. adoro le tue top 5 *_*
    di fumare ho smesso a febbraio, anche a essere proprio sincera una ogni tanto me la fumo.
    coooome basta ikea! noooo non mi dire così, I love Ikea, ho la camera praticamente tutte firmata Ikea.. libreria Billy, letto non so cosa, armadio componibile, comodino ikea però in stile tipo neoliberty (è però vedi..) ma TUTTO ikea! giusto la TV e una sedia non lo sono ^_^
    adoro il tuo blog, ti seguo assolutamente!
    baci

    RispondiElimina
  11. un mio amico ha smesso di fumare e poi è diventato musulmano.
    Ho paura.

    RispondiElimina
  12. Se la roba vecchia p di moda, casa mia è avanguardia pura!

    RispondiElimina
  13. Le cose della nonna? FFFFFatto! la metà delle cose presenti a casa nostra è di pora nonna, dal servizio da te che mia mamma mi ha smollato perché lei non sapeva dove metterlo, al divano rubato a casa dei miei alla lavatrice di pora nonna2. Sto avanti!

    RispondiElimina
  14. punto 5 - cambiate vita
    quello che hai scritto è una delle - poche finora - cose che mi hanno fatta stare meglio da quando sono stata spedita a casa senza tanti complimenti dopo mezzo anno in cui, convinta di fare un investimento, ho lavorato per 650 euro al mese. citrulla io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unknow di sotto sono io, non so perchè è uscita così. Comunque "anonima" sono investimenti sbagliati provati e fatti da tutti, non recriminarti, che te ne fotte! Magari anche a 1200/1400 ma ti saresti annoiata a lavorare lì! Tieni duro, baci

      Elimina
  15. So di gente che fa capoeira in Brasile con i pupi e un fidanzato disoccupato, molto più felice e invidiata di quelli con l'indeterminato al catasto. E l'invidia fa tanto 2004. Basta guardare le vite degli altri mentre restate fermi nello stesso punto, è il momento di muoversi. Prendete il coraggio a due mani e rischiate. Peggio dell'anno scorso non potrà andare. <-- Meraviglioso!!!

    RispondiElimina
  16. Parto.
    Parto domattina dopo cinque anni a Bologna,cambio città. Dopo un anno pieno di vita e un dolore confusionale che pensavo non potesse passare più. Mi sono imbattuta in te tra tutte le gradazioni di colori di quest'anno passato(non per offendere ma in quel momento il colore non era dei migliori, un mese a vegetare dentro al letto e un mondo internettiano da me sempre poco esplorato a fare compagnia, ché non c'avevo bisogno di parlà). Nel frattempo la vita è andata avanti, con lei i pensieri che naturalmente si sono trasformati in scelte. Nell'assurdità di questa serata piena di saluti mi sei venuta in mente.
    Pilotto per dire che cambio proprio come lessi qui un po' di tempo fa,come se fosse rivolto anche a me. per festeggiare me ne vo con un bel maglione bordeaux addosso.
    Ciao cara,
    una che legge per caso e assurdamente s'affeziona.
    f.

    RispondiElimina