lunedì 29 ottobre 2012

Pill Tapes, ovvero la salvezza.

Attenzione, che questa è una storia vera.
Solo a ripensarci adesso mi vengono i brividi.
Me ne sto lì, tranquilla tranquilla, a canticchiare Troppo buono di Tiziano Ferro (ove per canticchiare si intende bocca spalancata, piastra per i capelli a mò di microfono inclinato verso l'alto, occhi chiusi e fronte corrucciata a dare intensità) quando, improvvisamente, mi sento poco bene.
Inizio a sudare freddo, le gambe cedono, vedo tutto bianco e mi ritrovo a terra, in stato di semi-incoscienza, con la piastra per i capelli che mi ustiona l'interno coscia.
Sola in casa, ché Titti si canta in solitudine, potrei morire così, nell'indifferenza più totale, con i capelli crespi, in mutande, senza nessuno accanto che tiri fuori il vestito lungo a stampa pitonata di H&M pagato 10 euro ai saldi con cui voglio essere seppellita.
Ho esagerato, ho abusato di Tiziano Ferro, sono stata incauta, non ho cantato responsabilmente e questo è il risultato: sono posseduta dal morbo melodico, la sindrome di Rismi (Radio Italia Solo Musica Italiana) è ormai conclamata, altri 5 minuti e potrebbe venirmi voglia di una french pedicure, o di andare in vacanza in Salento a fare un giro dentro me (semicit.).
Penso che sto per morire, e che mi troveranno sfatta, spettinata,
con la bava alla bocca e l'orrida traccia 5 in loop e allora tutto sarà perduto, tutto sarà cancellato, tanti concerti, tante serate, tanti mp3 di Bjork saranno stati vani, al mio funerale canteranno Emma Marrone e la mia memoria sarà infangata per sempre.
Poi, d'un tratto, la luce.
La luce accecante della salvezza.
Questa luce.
Qualcuno sa, qualcuno vede, qualcuno sta ascoltando il mio grido d'aiuto.
Qualcuno ha previsto tutto.
Mi trascino sul pavimento, senza forze, come posseduta da una coscienza aliena che telepaticamente mi tiene in vita, riesco a prendere il telefono in mano, scopro un link, lo apro e c'è questo.



Faccio partire il video, milioni di immagini al minuto mi passano davanti agli occhi, questa malattia (chiaramente ereditaria nel mio caso, ché mia madre va ai live di Massimo Ranieri) si palesa in tutta la sua malvagità e immediatamente è tutto chiaro.
Pill Tapes mi sta salvando la vita.
Suoni prodotti da gente che non so manco chi sia (a parte Aphex Twin, certo) e della quale non saprei pronunciare il nome (tipo XXYYXX), perfettamente equilibrati, calibratissimi, scelti con la maestria che solo l'onniscienza permette, il sangue riprende a circolare, le gambe riacquistano sensibilità, i valori tornano normali e smetto di rantolare in sanscrito:
questa gente è venuta dal futuro per salvarmi dal passato.
Hanno letto il post, hanno intravisto i sintomi di una degenerazione mentale, hanno usato la loro scienza per me, che ad alcune blogger regalano i cosmetici ma, scusate se io sono più figa, a me danno
la MUSICA PERFETTA.
Ora so cosa fare, in caso di malessere, so che potranno aiutarmi ancora, e che con questa malattia si può convivere, ho la mia terapia farmacologica e mi sento una persona normale, posso correre nei prati e giocare con gli altri bambini. Fatelo anche voi, fatevi salvare la vita, la giornata, il rodimento di culo del lunedì, il down domenicale, il ritardo di trenitalia, il post sesso del venerdì sera, fatevi salvare.
Fatevi salvare da voi stessi.
Grazie Pill Tapes, non so come avrei fatto senza di voi.
Di cuore, davvero.
Grazie.


http://www.pilltapes.com/
https://twitter.com/PillTapes
https://www.facebook.com/PillTapes





10 commenti:

  1. L'importante è che eventuali figli proseguano la "malattia" e non diventino fan , che ne so, di Fabri Fibra o Justin Bieber

    RispondiElimina
  2. Per fortuna.
    Mi sembrava un racconto dell'orrore <3

    RispondiElimina
  3. attenta che se ti perdi a cantare gigi d'alessio nulla ti potrà salvare...

    RispondiElimina
  4. Hai salvato anche me, oggi. Ero in loop Maledetta primavera, vedi tu.

    RispondiElimina
  5. e io che mi stavo preoccupando e pensavo alla cicatrice che ti restava sulla coscia..ahahahhahaha

    RispondiElimina
  6. sarò tonta ma non ho colto... ok è la stanchezza.

    RispondiElimina
  7. geniale!!! Che favolosa scoperta, grazie (m'hai fatto veramente ridere quando hai scritto del tuo funerale con le canzoni di Emma Marrone... temo possa succedere anche al mio: "Cercavo amore" a tutta forza e tutti i presenti che ballano con quello che fa il salto acrobatico dalla bara :)

    RispondiElimina
  8. mi porterò una pillolina oggi sul galaxy per riprendermi dalla giornata che mi aspetta!

    RispondiElimina