venerdì 12 luglio 2013

D'altronde è così

Parliamo di uomini.
Per tranquillizzare il pubblico a casa che è così interattivo (get a life, su) specifichiamo subito che non sto battendo a tappeto l'hinterland romano a mò di censimento, semplicemente mi guardo intorno e faccio molte, moltissime cose, e vedo molta, moltissima gente.
C'è un'incapacità diffusa -sarà l'acqua, sarà l'aria- a prendere la vita in maniera leggera.
Non so cosa sia successo a Nostra Signora Tranquillità, ma suppongo che sia stato un male brutto e incurabile di quelli che ti aprono e ti richiudono, perché non si trova più qualcuno con cui passare del tempo piacevole, bere birrette all'aperto, fare magari sesso divertente e poter prendere in mano un cellulare e mandare, apriti cielo, un messaggio senza per questo scatenare l'ira funesta di bombonierari e venditori di Trilogy.
Cosa vi è successo?
Quando di preciso avete iniziato a sputare sulla facilità di un rapporto qualsiasi senza nome, senza aspettative, senza complicazioni? Quando? in quale punto esatto tra anni di porno e le vostre fidanzate del cazzo? Da quando essere bipolari (quanto mi piaci/non ti chiamo mai più) è diventato di moda e pericolosamente infettivo?
E soprattutto, una donna degna di questo nome, che non abbia voglia di fare giochetti di gattamortismo e fughe strategiche, cosa deve fare? imbracciare l'ariete del senso pratico e abbattere il portone del terrore di un legame peraltro non richiesto, convincendovi a forza di pompini che va tutto bene, o "trovi un altro più bello che problemi non ha"?
Mamma mi ha insegnato che chi ha più giudizio e lucidità ha il dovere di usarli e che non bisogna mai sottrarsi, soprattutto a fronte di un divertimento potenziale concreto (non fatevi i film, ve lo chiedo in ginocchio, amiche), però mamma dice anche sempre "nun te complicà la vita" e io ve lo dico, fa caldo, noi donne pure siamo stanche, non avremo energie in eterno e sta cosa del mare che è pieno di pesci, a rischio di fa un po' la mignotta, qualcuna prima o poi la verificherà.
Poi non vi voglio sentire eh.
Io vi ho avvertito.
Poi so cazzi vostri.






36 commenti:

  1. Sto cercando anche io di capire quale sia il motivo esatto per cui, a un certo punto, hanno fatto la sovrapposizione delle loro "fidanzate del cazzo", delle loro traumatiche esperienze con donne paranoiche e possessive, con l'intero genere femminile. Fare sesso e sentirsi dire "no uscire insieme no per carità non ti voglio illudere" come se fosse un boccone insieme che mi illude E POI SOPRATTUTTO COME SE IO STESSI QUA A ILLUDERMI di una cosa che non mi interessa.
    Il mare è pieno di pesci ma se ogni pesce che pesco mi tocca ributtarlo a mare per disperazione, onde evitare di soffocarlo col cuscino nel suoi deliri di "nonvogliounastoriavogliosolodivertirmi" post amplesso, a na certa invece di andare a pesca inizio a mangiar carne. O a fare la dieta dell'asceta.
    Tutto questo per dire: so' d'accordo. Pace e bene: non stiamo tutte qua a cercare di farci infilare l'anello al dito.

    RispondiElimina
  2. Mah sai... Sono due i fattori determinanti qui:
    Primo. Mi sa che peschi in un posto brutto, o ti scegli i pesci sbagliati proprio.
    Probabilmente è un fatto generazionale ma non ne sono sicuro. Però so come chiamarlo 'sto punto primo, Mezzaseghismo.

    Secondo: siamo esseri banali, mossi da una razionalità basilare tipo cefalo e quindi perennemente inadeguati alle donne. C'è quella che ti fa il lavaggio del cervello con l'impegnarsi ed essere un ragazzo serio, c'è quella che vuole solo lo stronzo (e tu non sei mai lo stronzo, è ovvio altrimenti non se ne lamenterebbe con te). C'è poi il fatto che sei giovane e questa volta sì, è determinante. Non solo non sai un cazzo del mondo ma non sai un cazzo di te stesso: cosa ti piace davvero, cosa invece ti dà il vomito e l'ansia. Lo scopri quando lo perdi, quando lo manchi, quando lo rompi. Lo scopri sbagliando, e quindi cara la mia bambina ci vuole calma e pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose sulla razionalità le so tutte, ma quelle sul cazzo non contano più?

      Elimina
  3. Tolti i miei problemi, Stazzy, se a Roma c'è gente così puoi solo immaginare quanto pulluli di maschi così.
    Niente oh, o si fidanzano o passano le birrette le bevono con gli amici parlando di Game of Thrones e Neymar.
    Sono circoli viziosi vertiginosi, e se non c'hai nemmeno un po' voglia di darti al gattamortismo è più facile trovare un programma tv non trash a luglio che un uomo senza impegno.

    Vale1up

    RispondiElimina
  4. Oh giuro che non parlo (solo) di me, qua raccogliamo dati in tutta italia, da Milano alla Sicilia. Sono preoccupata davvero, non si divertono più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, io porto il contributo della circoscrizione Italiani all'Estero. Il mignottismo poi rientra tra i miei piani estivi, ma chissà se ce la faremo. Ciao! F

      Elimina
  5. Poi però vanno scalpitanti a fare la trombovacanza a Lloret de Mar facendo pesca a strascico di olandesi arancioni di sole e sex on the beach. Go to understand.
    Vale1up

    RispondiElimina
  6. mai provato a parlare chiaramente di trombamicizia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non mi offendere, più chiare di me non ne trovi.

      Elimina
    2. allora frequenti persone strane :-)

      Elimina
  7. Hanno spostato l'ansia da prestazione dal sesso alla VITA. in generale. e credo la stiano mettendo nell'acqua che beviamo.
    E' dura. metaforicamente, solo metaforicamente.

    GoGo (mari)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah! questo è davvero un'ottimo commento!!

      Elimina
  8. d'altre onde, è così.
    pensa a chi col mare ce fa solo il pendolare
    bacio
    bx

    RispondiElimina
  9. Sono una corrispondente da Lisbona. Vi dico che il maschio portoghese aggiunge anche il lirico (ma pur sempre machicazzotelhachiesto) "amo, ma ciò che amerei non amare". E, infatti, Petrarca alla cara Lauretta in Lambretta non ce l'ha mai portata.

    Staz, ti odio. Dopo "Vedi cara" credevo non me l'avresti più fatta.

    RispondiElimina
  10. Se parli agli uomini come scrivi i post, cara mia, capisco perché poverini non intendono il tuo essere chiara.
    Scendi dal piedistallo.

    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco nessun piedistallo, e davvero, non parlo solo di me.

      Elimina
  11. C'è poco da aggiungere...
    Primo. l'omini e le donne nun se sanno diverti'.
    Secondo. non c'è voglia di ascoltare; se ti dico scopiamo, non sto dicendo fidanziamoci. Se dico levate dar cazzo, te ne devi anna'! Com'è che delle semplici parole non vengano ascoltate?

    Sarò grezzo...

    RispondiElimina
  12. e io che pensavo fosse un problema solo di Verona, città dove notoriamente per guadagnarti il saluto altrui devi minimo minimo averci fatto 5 anni di scuola insieme. Nella stessa classe però, sennò non vale.
    Mal comune, mezzo gaudio?
    Naaah

    Camilla

    RispondiElimina
  13. E' un problema proprio in tutta l'Italia Zi, non temere. Voglio dire, che fine ha fatto il sano divertimento senza troppe seghe mentali?! Sarà la grisi. Io mi dò questa spiegazione. Che fatica!

    RispondiElimina
  14. Quando dico ai miei amici maschi non italiani che ormai è una jungle e che eé un men's world- mi dicono che non è vero. Ma a me pare di leggere e sentire storie tutte troppo pericolosamente simili per non trarre questa conclusione!

    RispondiElimina
  15. Invito - It
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
  16. Ma poi, quando una è chiara e non ce la fa a fare la figa, a nascondersi, a fare la misteriosa e lo dice: "scopiamo e parliamo bene e va bene così ma quando ti rompi il cazzo dillo che non muore nessuno" e loro invece fanno i vaghi, gli sfuggevoli che si fa?
    Io mi sarei rotta le palle delle scuse, delle cose dette e non dette.
    Vabbè, insomma, hai già detto tutto tu.
    E comunque, sono loro che ci rendono delle rompi coglioni fuori misura. Sono loro.

    RispondiElimina
  17. Pure scopare è diventato impegnativo.

    Aliyah

    RispondiElimina
  18. Ora provo a dire una cosa ad altissimo tasso di fraintendimento. A mio parere, chiedere a un uomo (così come a una donna) di dire in faccia all'altro (con cui magari il giorno prima ha scopato) che si è rotto il cazzo è un po' un'ingenuità. "Sparendo" non te l'hanno appena detto? Ricordo qualche anno fa, con alcune mie amiche, ore a parlare degli "sparizionisti". E immaginavamo questi garage pieni di uomini che si nascondevano. Poi una di queste amiche comprò un libretto stupido. "La verità è che non gli piaci abbastanza".
    Ecco. Una verità semplice semplice semplice. E neanche particolarmente difficile da accettare. Benedetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benedetta torna tutto, a parte il fatto che non parliamo della specie classica degli sparizionisti, quanto piuttosto di quegli sparizionisti che tendono a tornare, a volerti di nuovo e poi risparire in loop, quelli che praticamente mentre ti stanno ancora scopando già sentono il bisogno irrefrenabile di mettere "in chiaro" le cose, quando non capiscono che la voglia e il desiderio e tantissimi sti cazzi possono essere una moneta di scambio più che sufficiente per due ore in una stanza insieme e poi, tranquillo tesoro, nessuno ti presenterà il conto. Per il resto, chiaro, il non piacersi abbastanza è sempre dietro l'angolo, ma già immaginare un "abbastanza" da raggiungere per me è follia.

      Elimina
    2. ...c'è anche da dire che quando te le sc@@i bene.....TORNANO TUTTE!e dimenticano tutta la chiarezza la semplicità delle parole usate prima!TUTTE alla fine sperano nel the day-after, nella telefonata del giorno dopo, nel sms "sono stato proprio bene" e bla bla bla...

      Elimina
  19. Il problema è moooooolto generazionale e soggettivo...c'è chi riesce a fregarsene e chi si fa i castelli!! Bah...bisogna prendere tutto con filosofia...è una reazione chimica e non sai quando reagirà...sempre se reagirà!
    Io ho passato varie fasi: da primo amore che speravo fosse per tutta la vita, poi al divertiamoci visto che c'ho seguito, poi mi sono fermato a riflettere su quello che volevo e poi è arrivata Lei...la mia reazione chimica.
    See you soon

    RispondiElimina