domenica 14 luglio 2013

Mi fa

Mi fanno schifo le dita appiccicose di bomba alla nutella, mi fanno schifo i piedi quando sono troppo lunghi e sembrano di qualche bestia, invece mi fa godere grattarmi la schiena con la mano piegata da sopra. Mi piace che piano piano mi sto riprendendo il letto, sposto un cuscino per volta e certe volte mi tocco e mi addormento senza mutande al centro del materasso e nessuno lo vede e quando mi sveglio mi guardo da fuori e lo vedo solo io e la masturbazione è doppia. Mi piace lavarmi i denti ma non mi piace sputare, mi fanno godere lo scrub, la crema, lo sfregamento dei piedi e il balsamo dopo il mare, mi fa schifo il nodo di capelli nello scarico della doccia e mi fanno cacare gli spazzolini da cesso bianchi. Mi piace il phon, mi piace il forno, non capisco il tostapane, nemmeno l'asciugatrice, invece venero la kitchenaid e l'aspirabriciole soprattutto usato come raccoglispazzatura quando passi la scopa, ché odio la paletta, è scomoda e antiestetica.
Mi piace la mattina presto se mi sveglio e posso ancora dormire, ma solo se ho la sveglia puntata e sono in grado di calcolare subito quanto manca prima che suoni, mi piace le sette di sera al ritorno dal mare che bisogna farsi la doccia perché poi si va a cena, non mi piace il momento in cui metto i calzini prima di infilare le scarpe soprattutto se qualcuno mi guarda, non mi piace avere pochi completi intimi specie se prevedo di stare spesso seminuda, mi vergogno di gran parte delle mie mutande e non so comprare cappotti decenti. Mi piacciono gli occhi, gli avambracci e le cosce, mi sono indifferenti le mani, il culo e i nasi, mi piace la risata e la voce, mi frega un cazzo del se fai sport, mi serve che mi baci benissimo, mi piace che mi scopi forte, ignoro l'importanza delle coccole dopo, piuttosto rido volentieri o mangiamo qualcosa o molto dormo.
Mi piace se scegli la musica e il film, mi preoccupa se il ristorante non so quanto costa, mi piace che noti i vestiti che indosso, ma non ricordarteli così me li rimetto, mi piace che ballo, che sudo che piego le ginocchia, se chiudo gli occhi è proprio perché mi fa bene, mi piace se beviamo, non mi piace se mi fai bere, mi piace se è buono e lo mandiamo giù ridendo, mi piace il tavolo, mi piace per terra, non mi piace il bancone, non mi piace il bagno se non è quello di casa mia.
Mi piace il mare coi jeans, mi fa orrore la sabbia coi tacchi, mi piace il rasoio sulle cosce contropelo, il silkepil sotto le ascelle, la ceretta alla fica quasi tutta, le pinzette sui baffi, le sopracciglia non classificate, mi eccita la barba di quattro giorni, la nuca rasata, mi piace la pelle asciutta e opaca della spalla ma dalla parte del petto, frontale, dove mi metto con la testa.
Mi piace il bucatino ma mi preoccupa sporcarmi, mi piace il rigatone ma lo mando giù quasi intero, odio la pizza provola e speck perché lo speck non si taglia mai bene col coltello, mi fa incazzare la bruschetta al pomodoro, adoro l'arrosticino, ho una passione perversa per il supplì.
Mi piace la Toscana, mi piace Milano, mi piace l'Umbria, mi ricordo la Sicilia, la Sardegna e il Veneto, non conosco il Piemonte e Maratea.
Mi fa vomitare il cattolicesimo.
Mi piace il finestrino abbassato.
E questo è quanto.

16 commenti:

  1. È giusto un vademecum...
    Toccherebbe distribuirli, ma così sarebbe troppo facile. Divertente, ma facile.
    Spiaggia e jeans, meraviglia. Anche altre cose, ma tralascio.

    RispondiElimina
  2. "mi piace che noti i vestiti che indosso, ma non ricordarteli così me li rimetto,"

    questo è il mio passaggio preferito....
    mi ricorda che ogni volta che la mia donna si rimette il vestito o altro messo ai primi appuntamenti io lo faccio notare...e quindi è da un po' che non li vedo più ;P

    RispondiElimina
  3. siiiii
    la barba di 4 giorni siiiiiiii :-)

    RispondiElimina
  4. dire che questo è quanto è stupenderrimo e dire poco.
    avrei da fare copia e incolla di mille delle tue frasi ma una su tutte: "non mi piace avere pochi completi intimi specie se prevedo di stare spesso seminuda, mi vergogno di gran parte delle mie mutande"... :D

    RispondiElimina
  5. Mi ricorda l'introduzione di "Hanno tutti ragione" di Sorrentino. Dopo dieci righe l'ho saltata...

    RispondiElimina
  6. "ignoro l'importanza delle coccole dopo, piuttosto rido volentieri o mangiamo qualcosa". AMEN. Maglietta, immediatamente.

    RispondiElimina
  7. come ti dicevo sere fa, a villa mercede, leggerti mi dà tanta gioia.
    ciao, nadia

    RispondiElimina