martedì 6 agosto 2013

Lettera a Natalia

Quando ero piccola, ma tu Natalia questo lo sai già anche se io non te l'ho mai mai mai raccontato, sognavo di avere un amico di penna. Mia sorella mi ascoltava, mamma pure, papà credo di sì, ma lo volevo lo stesso, allora gli scrivevo sul quaderno del catechismo dove facevo i disegnini delle facce sulla C maiuscola di Ciao (quelle con gli occhietti e il naso e il cappello, hai capito no?) e pensavo ma amico di penna tu come ti chiami? ti piacerà o no che ti chiami caro amico di penna?
Sto in vacanza Nat, sto in vacanza in un mare che è pulito e basso, come mi sa che siamo anche noi, e bello trasparente e salatissimo, come sono sicura che siamo anche noi.
Rido mille, che sto in buona compagnia e piango di una commozione facilona e molto anziana, piango e mi emoziono di tramonti sbrilluccichevoli e fritturine di polpo e gamberi a dieci euro e ho capito Nat che io nella vita mia difficilmente sarò infelice in modo irrecuperabile. Che mi basta far uscire tutto da sopra da dentro da ovunque per fare spazio alle sette di sera seduta sullo scoglio da sola a giocare col granchietto e cantare grazie roma a bassa voce con le tette nude e la pancia bagnata e la pelle dei polpacci così liscia e opaca che si asciuga subito ed è solo gialla di sole e bella da baciare se vuoi.
Mi sto scordando la sardegna sai? non mi ricordo più il camino. Mi ricordo ancora le pesche, ma solo perché lo racconto sempre a tutti, e mi ricordo il cancello verde dei vicini con il figlio down che mi sembrava una cosa così moderna quando ero piccola, avere un figlio down, come se si potesse scegliere, come quelli che possono avere la twingo e invece hanno il maggiolone, una roba estrosa, divertente. Poi mio padre ha litigato con tutti, giustamente, pieno di teste di cazzo in quella famiglia, e io lì ho deciso che io e mia sorella per esempio ste merdate mai, mai e poi mai, che io non toglierei mai una cosa bella come la sardegna a mia sorella, ma nemmeno sotto tortura, e invece vedi? io adesso sto in questo mare che mica è il poetto e le mando comunque i video di me e della delogu che cantiamo Tra me e te in macchina come due neopatentate, perché poi son sicura che li vede e ride fortissimo.
Giovedì è il tuo compleanno e io rinuncio a non sapere che giorno è, che è la cosa in assoluto che mi fa più godere della vacanza, solo per chiamarti e sentire quella vocetta romana a milano dire "ciao amò" e sciogliermi un po' e dirti niente e dirti tutto e pensare che Natalia Cavalli è il mio regalo di internet, e che si regala a una che è un regalo?
A me per esempio, a fine agosto, toccava sempre l'astuccio, e non mi piaceva quasi mai.
Io piuttosto che regalarti un astuccio ti regalo una bestiola, tipo un criceto, che chiamiamo Filippo e ti riempie casa di puzza e bestemmi e io rido, a roma, da sola.
"Da sola" poi.
Che cazzata "da sola".
Quanto cacofonico è "da sola"?
Quanto per niente pedissequo, propedeutico e paolo è "da sola"?

18 commenti:

  1. ma annatevene nattimo affanculo, borghesotte romane mantenute dar cazzo de babbo. tacci vostra!

    RispondiElimina
  2. E chi abbiamo qui? un primo ammiratore?

    RispondiElimina
  3. "mantenute dar cazzo de babbo" vuol dire che vostro padre fa l'attore porno?!?! O il Gigolò?!? Cioè il pene gli da il pane?!?! Quindi siete figlie di John Holmes o di Gigi Rizzi?!?!

    RispondiElimina
  4. "Anonimo" che classe... complimenti...
    Questo post è bellissimo...e "Anonimo" è geloso...

    RispondiElimina
  5. mai da sola
    in compagnia di te stessa ;-)

    RispondiElimina
  6. Un amico di penna. L'idea è sempre piaciuta un sacco anche a me.

    RispondiElimina
  7. Tu scrivi DAVVERO bene. E io questa cosa credo di averla detta ad una sola persona in 38 anni. E ripeto per la terza volta: sei notevole. E grazie :)

    RispondiElimina
  8. Anche il poetto non è più lo stesso ormai. Dopo il ripascimento, dico. Quante cose non ci stanno più. E qualcuna manca più di tutte le altre.

    La sella del diavolo però ancora ci sta. Dio che malinconia.

    RispondiElimina
  9. Molto, molto bello.
    Ho avuto per un anno un'amica di penna, di Ostia, Silvia. La ricordo come una parentesi stupenda. Trovo stupendo anche il rapporto che hai con Nat.
    Nat la seguo da qualche giorno e la trovo simpatica, proverò anche con te, visto che già ci siamo incrociati.
    Brava.

    Rollcage76

    RispondiElimina