giovedì 19 settembre 2013

Parliamo di sesso. Prendete appunti.

Parlo spesso di sesso, mia sorella dice che ne parlo quanto una fashion blogger parla di smalti, il che è abbastanza preoccupante.
Parlo spesso del "mio" sesso, di quello che faccio o non faccio, di quello che non ho fatto e farei e racconto un sacco di storie che mi vedono nuda protagonista nuda senza pudore e senza pietà.
Non esiste un modo di parlare di sesso senza scatenare quel friccicorino pecoreccio in chi ti legge, e da quando esiste la piaga sociale dell'attention whore vi vedo che siete tutti lì ad aspettare che si intraveda in lontananza un accenno di tette dall'autoscatto.
Non c'è modo di essere liberi, non ci disferemo mai dalla vostra vergognetta moralista del sesso e del corpo, nemmeno ora che le barbare d'urso dicono "cazzo" in tv.
Quindi, poichè questo blog ha come unica ragion d'essere quella di liberarsi di pesi e sassolini e spandere verità nelle case degli italiani, io direi

Top 5 delle aberrazioni problematiche sessuali più comuni:
come starci dentro e come uscirne
1- Lui puzza: mi rifiuto di credere che ci siano donne che non si lavano, nel mio mondo fatato la coda del terzo giorno non salva i capelli dal senso di colpa dello shampoo mancato, quindi mi concentrerò sui casi in cui è lui, quello ad avere una scarsa igiene personale. Se lui puzza scappate a gambe levate, non si può fare nulla, può avere un pene rabdomante con un doppio spinotto di ebano, ma se puzza non si va avanti, non funziona, crolla tutto. Il pene d'ebano è sprecato. Proponete una volta, una sola, di fare la doccia insieme, se capisce è ok, altrimenti è un NO.
2- La cilecca: a.k.a. "amore ti giuro è la prima volta che mi succede". Qua le chiacchiere stanno a zero, raccontiamoci pure che forse si era masturbato prima, forse era troppo emozionato, che è stato bellissimo lo stesso, in realtà ci sono solo due reazioni possibili:
A) se ci andava di farlo o lui è un maledetto criptoimpotente che meriterebbe le corna (per quelle sicure di noi) o noi siamo dei cessi incapaci di tenere dritto qualcosa senza l'ausilio di un bastone e fil di ferro come si fa con il ficus benjamin in terrazza.
B) se non ci andava di farlo dio lo benedica, via il dente, via il dolore, la prossima volta si sentirà così in difetto che il sesso orale durerà il doppio. Il benessere della coppia è salvo e buonanotte a tutti.
3- L'eiaculazione precoce: crolla anche l'ultimo tabù, oggi ero a Radio Rock a chiacchierare di sesso e seguivamo su twitter l'hashtag #1su5, di una campagna di sensibilizzazione sul tema. Gli ascoltatori hanno raccontato di stiramenti di piedi per ritardare l'orgasmo, di gente che si infligge dolore fisico, di nonne nelle bare ricordate subito prima del godimento e io non ci voglio pensare che l'alternativa a uno che dura tre minuti sia uno che pensa alla madre il giorno dell'incidente. Mi viene la tristezza e non me lo merito. Fatevi un giro per i tweet che di oggi e scoprirete un mondo di uomini concentrati sulla tabellina del 7.
4- Il muto: ho fatto sesso con uno una volta talmente muto che potevo sentire i rumori dei lavori nel palazzo davanti. Non fate battute su seghe e martelli che non ce n'è. Non potete stare zitti, amici, non si fa. Non dico di buttarvi sulle migliori sceneggiature del porno (una volta ho fatto sesso con un altro così fissato col porno che veniva in inglese), ma esistono delle parole e delle parolacce necessarie a far sì che ci si diverta, non abbiate paura di usarle, che in quel contesto va tutto bene e nessuna si metterà a piangere se la chiamate troia.
5- Il millantatore: brutta malattia dei nostri tempi, dove a volte il desiderio sessuale nasce e cresce nei messaggi privati di FB o su Whatsapp. Quelli "te pijo e te rivolto" di solito nel live non funzionano. La naturale predisposizione delle donne all'illusione e la convinta convinzione che con un po' di pazienza gli faremo capire cosa ci piace sono il terreno fertile per la prolificazione di germi del genere. Poi, vabbè, le donne sono uguali, che a sentire le amiche sanno fare tutte dei pompini pazzeschi e a sentire gli amici non ce n'è una che non gli lasci il solco con i denti (quello che qualche saggio chiama "effetto rigatone"). Siate sinceri voi in chat e noi lo saremo con voi durante il rapporto, mi sembra uno scambio equo e un bel passo verso la fine della fantascienza. L'orgasmo vaginale non esiste e voi non avete davvero quei 24 cm, lo sappiamo entrambi.
La top 5 è chiaramente di cinque, ma già solo scrivendo il post, con un amico ne sono usciti fuori altri mille (quello che piange, il prestazionale che si guarda allo specchio, quella che non pratica la fellatio, ecc).
Tirateli fuori, nel vostro completo anonimato.
Invece se volete fare i loro nomi, è servizio pubblico e dio ve ne renderà merito.
Grazie.




33 commenti:

  1. Appunti presi.
    Purtroppo mi è capitato quasi tutto, mi manca solo il puzzolente e spero vivamente di non incontrarlo mai, che rimanga pure lì, tra le cosce di un'altra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho trovato la puzzolente D'ALCOOL e pure quella di sudore. Non crediate di essere così diverse ed incapaci ... tra l'altro dai maschi si pretende molto e per voi sembra si debba esser sempre pronti.

      Elimina
  2. Quello che pretende un pompino,ma non si fa il bidet da due giorni. Quello che mentre fa sesso suda manco stesse facendo una maratona,correndo. Quello che lo fa anche con 40gradi con i calzini ai piedi,perchè durante il sesso la circolazione sanguigna è tutta concentrata "lì", e lui povero,sente freddo nel resto del corpo. Quello che deve alitarti nell'orecchio per tutta ls durata del rapporto. Quello che non conosce la differenza tra stimolare e strotolare i capezzoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ti prego!Il pon-pon presteso NO!magari con gentile accompagnamento della mano dietro la testa!

      Elimina
    2. riguardo all'orecchio siete tutte diverse, sai? Alcune lo *vogliono* e altre lo detestano. RIguardo ai calzini poi, questa cosa potrebbero averla scritta 3000 maschi negli ultimi 20 minuti nella sola Italia. Sono proverbiali le donne coi calzini. Per fortuna almeno voi siete carine coi calzini addosso, se il resto è nudo ;) Meno male... Qui però mi pare che ci sia un acido in stile "PSDM" che invece che facilitare rende odioso e stronzo tutto quanto

      Elimina
    3. all'anonima del pompino con la mano dietro la testa: a voi piacciono certe cose a noi altre.
      dato che qui si prende appunti: a noi piace molto fatto solo con la bocca, la testa, la lingua, la gola, senza le mani e con molto molto molto contatto con gli occhi.

      Se pensate di saper fare un pompino e vi da fastidio farlo come piace al vostro uomo, non vi lamentate di non ricevere trattamenti adeguati ai vostri desideri.

      Elimina
  3. ...oddyo le mie amiche!- Tutte Moana Pozzi mancate ma com'è che siete single?!
    - Ma come fate ancora a camminare bene se incontrate SEMPRE super dotati?!
    - Ah poi ce a lei...quella che nn solo ha gli orgasmi multipli...ma quasi quasi dal lato B è pure mejo! se se come no!

    RispondiElimina
  4. Parliamoci chiaro uomini...SAPUTO IL SESSO ORALE SAPUTO TUTTO! ;-)
    Gaia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo proposito non posso che segnalare:

      http://depressogioioso.wordpress.com/2013/10/07/come-leccarla-videoistruzioni/

      Elimina
  5. Per fortuna (sua) non è capitato a me, ma ne parliamo perché il mondo deve sapere dell'esistenza del "timorato di dio, quasi un amish". Renzo, più che trentenne, detto "il porco" dalla sua illusa ragazza. Dopo qualche uscita, lei gli infila lasciva una mano tra le cosce: lui sobbalza in auto e gliela scosta. Ok, magari è per la guida sicura, diamogli un'altra possibilità. Finalmente scopano, lui viene, fuori, da solo, e accidentalmente la schizza. In sintesi: i successivi 5-10 minuti li ha passati a ripulirla chiedendole scusa e ripetendo ossessivamente "che schifo, che schifo!".
    Spero solo che adesso abbia scelto la via del seminario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari non ce l'aveva duro ... sai che succede se un uomo ti ifila le mani lascivo tra le cosce mentre tu non sei eccitata? DENUNCIA PER MOLESTIE ... un bel mondo ci avete creato...

      Elimina
  6. Ok, mi sono segnata in un apposito quaderno tutto ciò...Va bhè, che io rimango convinta che per una volta si possa anche perdonare uno che fa cileccha...Però sono intransigente sulla puzza, quella proprio no...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perdonare? Non è mica un interruttore elettrico. E se anche lo fosse: impara ad accenderlo.

      Elimina
  7. Ti sei dimeticata l'egoista/penecentrico....quello che il "Cunnilingus NO perchè è troppo intimo"...però il pompino si glielo devi fare...beh certo quello non è intimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco.. da evitare.. son per la parità in questo caso ;-)

      Elimina
  8. Io invece confesso davanti al mondo di aver cucinato troppi rigatoni nella mia vita..aiutatemi se potete

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eserecizio! con una banana o con un amico! lingua sotto un po' in fuori sopra il labbro inferiore, ecc: sono le labbra che stringono, non si tratta di un vero e proprio risucchio... giusto il risucchio che vorresti tu sulla clitoride. E ovviamente se lo ingoi tutto quanto riceverai la richiesta di abbonamento mensile.

      Elimina
  9. Pienamente d'accordo con te sul "MUTO".
    Ma non si può!
    Le parole eccitano, vanno dette!!!
    :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho sempre e solo trovato donne mute; i maschietti sono più semplici e diretti e gli piacciono certe cose: VEDERE e SENTIRE (to hear, OLTRE a to feel) sono fondamentali. Eppure di solito escono cose molto cattive e poco sensuali. SOno le stesse parole e parolacce, ma invece di sembrare goderecce sembrano sfide a boxe ... sinceramente combattiamo già tutto il giorno, con l'amante piace essere attratti, non aggrediti.

      Elimina
  10. Celo, celo, celo, celo. ah manca il muto. Una volta sono stata con un centometrista. No no, non era alto bello e prestante, ha solo battuto il record dei 20 secondi. Ho avuto anche quello che puzza, quando la sentivo dicevo semplicemente 'si sente odore di cappella' (scusate il francesismo) e lo invitavo a lavarsi senza fronzoli di doccia inseme e quant'altro. Io proporrei un'altra categoria, l'ossessionato dall'entrata posteriore di noi donne. Dico io cosa ci può essere di così interessante? Rappresenta un frutto proibito e io non me ne sono mai accorta? Uomini del mondo spiegatemi l'ossessione del sesso anale. Spero di non essere stata troppo scurrile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vista la vostra propensione a spiegarvi e a dare informazioni, direi che puoi - anche tu - cercare in circa 0,5 secondi (meglio del tuo centometrista) informazioni in merito: perché ai maschi piace farlo (sia psicologicamente, sia fisicamente) , come farlo, come prepararsi, perché può dare anche più soddisfazione. C'è tutto ed è trattato da donne. Comunque piace al 95% degli uomini e se richiesto esplicitamente come ci invita a fare chi scrive l'articolo, parlando, con parole e parolacce, è ancora più richiesto. Perché le mute spesso siete voi e più di qualche sospiro o urla di piacere di varia intensità (belle eh, per carità, non mi lamento di quelle) non si ha: anche ai maschi, anzi, di più, piace sentirvi chiedere con la giusta voglia le cose con il loro giusto nome. Ora tu potrai anche chiedere "perché", ma ... cui prodest? E' un semplice fatto. Quindi meglio chiedersi "come". I maschietti che vi piacciono tanto hanno fatto lo stesso: non stanno a chiedersi PERCHE', ma "come posso fare per darti piacere" ? E dato che non siete proprio fatte con lo stampino ma vi piacciono le stesse cose, solo che per ottenerle bisogna "lavorare" in maniera diversa, ci si adatta: siete (e siamo) esseri umani, tutti diversi, con "tasti da premere" tutti diversi. Persino per i pompini c'è da imparare, ovviamente: http://www.vice.com/it/read/stoya-sulla-metafisica-del-pompino

      Elimina
  11. io le tipe che puzzano le conosco eccome, puoi rifiutarti fin che vuoi, ma era carinissima e sexy, ma puzzava cos'ì tanto di sudore-cipolla che si sentiva FUORI dal buchetto del vetro al botteghino del cinema presso cui lavorava. Era sensuale, sexy, simpatica. Ma puzzava di sudore a mille.
    E non solo: le ragazzine di oggi puzzano come capre peggio dei maschietti: questo non lo dico da amante ma da adulto con amici genitori e quindi per esperienza diretta del mio naso: gli ormoni femminili non producono quel tanfo che producono gli adolescenti maschi, ma i piedi scarpaginnasticati di entrambi i sessi producono il medesimo fetore formaggioso: fa schifo. E ovviamente, tanto come ai maschietti della stessa età, quando non capiscono, scatta la sindrome "ma perché nessuno mi ama" : perché nun te lavi, ecco perché.

    Per il resto carissima, qui il "come starci e come uscirne" non c'è, non esiste. Semplicemente anche tu contribuisci a generare quell'aggressività che aumenta il circolo vizioso dei maschietti che non ti divertiranno, che si faranno centro problemi, che accresceranno il conteggio di tutti i punti tranne il primo, che si risolve zenza terapie psicologiche e senza dialogo: basta il sapone.

    Qui si trasuda stronzaggine: un potententissimo antiafrodisiaco sempre più diffuso nella tua specie. Forse ti farà sentire orgogliosa, ma è controproducente. Di certo avrai comunque il tuo pascolo in cui continuare a brucare, ma non stai dando consigli utili: hai solo elencato 5 problemi stigmatizzandoli. Uno va bene (l'igiene), ma per gli altri fai solo danno.

    RispondiElimina