giovedì 24 ottobre 2013

Drogati. Imperativo.

C'è questa cosa orribile dell'ambiguità, che è eccitante e distruttiva allo stesso tempo eppure ci siamo tutti invischiati fino al midollo, fino alle bugie, fino alla negazione.
Io ad esempio nell'ambiguità ci sguazzo, perché la trasparenza che mi viene così facile che la regalo a chiunque - fin troppa, siamo d'accordo - credo e spero sempre mi salvi da qualsiasi accusa di profumeria, di personaggismo, di fiction fine a se stessa, e allora volentieri mi infilo in rebus da risolvere e sono diventata così brava che li creo, li alimento, li interpreto con una certa disinvoltura e risultati soddisfacenti.
Poi voglio anche occhi e corpi addosso, e questo non aiuta.
Mi convinco che vivere di forti emozioni, autoassolvendosi, rischiando di sentirsi spesso in una puntata di un telefilm, spostando ogni volta il limite di cosa è possibile fare e ricevere, accettando che "fidanzato" o "appena conosciuto" o dio solo sa cos'altro, siano espressioni a cui poter cambiare il significato di tanto in tanto, che suvvia la coerenza a volte è solo ottusità, e seguire il flusso è l'unica cosa giusta da fare e sentire le cose e volere le cose e prendersele dio santo, le cose, è quello per cui ha senso stare qui e non starci soli.
Allora mi gioco tutto, vado fino in fondo, forzo lucchetti e metto alla prova, divento sfrontata e molto diretta, chiedo di felicità e letti altrui, traggo conclusioni, regalo verità. Non mi fermo mai dove dovrei.
E loro mi vengono dietro, così poi è colpa mia, loro poveri, al massimo mi hanno assecondata.
Qua il problema è solo uno: che l'intimità è eroina e l'opportunità è metadone e se sei una tossica come me, la tua scelta l'hai già fatta.

32 commenti:

  1. mi cago sotto a fare casini, ma sono un tossico come te...

    RispondiElimina
  2. p.s. penso pure che l'opportunità sia merda...

    RispondiElimina
  3. Non
    C'ho capito una sega!

    RispondiElimina
  4. io debbo dire che il linguaggio che tu hai usato è forte al punto che, sebbene non sia certa di aver seguito il discorso fino a comprenderlo davvero, mi piace quando non capisco il discorrere di fiati differenti, eppure essi hanno la capacità di bruciare sotto pelle...

    RispondiElimina
  5. ...oppure c'é anche chi avrebbe troppo da sacrificare per una veloce intimità e magari appoggia sguardi lunghi, ma mai abbastanza (e spegne i fuochi improvvisi con tanta, tanta masturbazione)

    RispondiElimina
  6. dio... leggo il tuo post e penso a me... e a quanto ho scritto io stessa pochi minuti fa nel mio blog... sono sconvolta e felice, Lunette
    http://attriceincercadautore.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Lei è una persona ORRIBILE. Spero che si becchi qualche malattia, così ha qualcosa a cui pensare.

    RispondiElimina
  8. Io mi auguro che sto tizio silver silvan qui sopra sia un tuo amico e che il suo commento sia un gioco fra di voi.in caso contrario mi auguro che il suddetto signore possa godere in prima persona di quanto augura a te,così occuperà il suo tempo in manieria più sana.
    E se è la prima volta che commento nonostante ti legga quotidianamente è perché mi sono usciti gli occhi di fuori.
    Ti amo sempre
    Vale nti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mai coperto il signore di cui sopra. Grazie stellì.

      Elimina
    2. Anche se fossi un uomo, donne simili le fuggirei come la peste.

      Elimina
  9. ah sig. silver, sono le persone come lei a farmi sentire migliore.
    e quelle come te "stazzitta", mi fanno sentire meno sola e più umana.
    quindi grazie ad entrambi, ma più a te, romanaccia, che mi fai ridere, piangere e sudare empatia!

    RispondiElimina
  10. Non ricordo come ti ho trovata, ma nel tuo blog trovo tutta me.
    Sembra quasi di fare un frontale con uno specchio, quando ti leggo, quando becco un post come questo, che si può capire solo se ci si entra dentro perché si vivono le stesse cose.
    E quando dici "E loro mi vengono dietro, così poi è colpa mia, loro poveri, al massimo mi hanno assecondata.
    Qua il problema è solo uno: che l'intimità è eroina e l'opportunità è metadone e se sei una tossica come me, la tua scelta l'hai già fatta." vinci tutto, racconti una verità meglio di come potrebbero fare miliardi di altre persone che spendono cento paragrafi per descrivere lo stesso concetto.
    Voglio proprio rubartela quella, e ti cito e ti linko.
    Complimentoni.

    RispondiElimina
  11. "Non ricordo come ti ho trovata, ma nel tuo blog trovo tutta me."

    Forse perché non c'è molto da trovare.

    RispondiElimina
  12. Attenzione a fare paragoni...eroina e metadone sono la stessa cosa, la differenza sta che la prima è proibita la seconda è di stato

    RispondiElimina